Layering: skincare a strati per il viso
Layering: skincare a strati per il viso

Layering: skincare a strati per il viso

Layering significa letteralmente "stratificazione" e consiste in uno specifico tipo di skincare che prevede appunto l'applicazione a strati di prodotti durante la normale routine di pulizia del viso alla mattina e alla sera.

di - 23 luglio 2020

È una pratica utilizzata dalle donne giapponesi, da sempre ammirate per la perfezione della loro epidermide, che prevede l’applicazione di più cosmetici contemporaneamente, ma in dosi minime e che si può quindi considerare un procedimento basato su aspetti qualitativi piuttosto che quantitativi.

Quali sono i passaggi previsti dal layering

Finalizzato a una completa e perfezionata pulizia del viso, similarmente alla skincare routine coreana, il layering consiste in 7 passaggi:

  • prima detersione oleosa
  • seconda detersione schiumosa
  • esfoliazione
  • lozione
  • siero
  • contorno occhi
  • idratazione delle labbra

Secondo questa tecnica giapponese, ogni strato è finalizzato a preparare la pelle per il successivo trattamento, senza appesantire le zone epidermiche e neppure modificare la loro ricettività ai prodotti.

La “pelle di seta” che è un attributo inconfondibile delle donne giapponesi deriva quindi da un’adeguata routine di bellezza, basata principalmente su una detersione molto accurata in quanto soltanto pulendo i pori ed eliminando le cellule morte che tendono a rimanere attaccate alla superficie cutanea si riescono ad ottenere risultati eccezionali. Il viso delle donne orientali, che giustamente è stato definito “di porcellana” si caratterizza per un aspetto liscio, radioso e vellutato, il cui splendore dipende quasi soltanto dai passaggi previsti dal layering.

È quindi questo rituale quotidiano di pulizia viso che contribuisce principalmente al culto della bellezza tipico della cultura estetica giapponese.

1

Primo step: detersione oleosa

Il primo passo per affrontare il rituale del layering prevede un’iniziale detersione con olio struccante, di solito di tipo biologico e vegetale, che consente di preparare l’epidermide ai successivi passaggi. È possibile impiegare anche il semplice olio d’oliva, ma sarebbe meglio optare per olio di mandorle dolci, di nocciola, di argan, di jojoba, di camelia, di avocado oppure di rosa mosqueta.

La scelta è del tutto soggettiva, in base alle preferenze dell’aroma, in quanto la formulazione di questi cosmetici è comunque su base lipidica e quindi grassa, che è appunto la composizione utile. La finalità di questa prima tappa del layering è quella di realizzare una detersione profonda, rimuovendo qualsiasi traccia di trucco, dato che i detergenti su base oleosa sono da un lato dermoaffini (accettati perfettamente dalle cellule cutanee) e d’altro lato in grado di penetrare molto profondamente (capaci di eliminare anche le particelle depositate negli strati inferiori della pelle).

G9SKIN

Struccante Oleoso in Stick

24

Lo stick detergente in balsamo It Clean Oil Cleansing Stick rimuove anche il trucco più ostinato. Dopo l'uso, la pelle è idratata e più elastica grazie agli ingredienti che contiene: olio di soia, estratto di centella asiatica (con effetto calmante, previene le irritazioni) e estratto di corteccia d

Aggiungi

La principale caratteristica dei prodotti lipofili è quella di detergere con estrema delicatezza senza irritare le pelle, ma al contrario rispettando le sue proprietà biologiche, come ad esempio la produzione di sebo.

2

Secondo step: detersione con sapone liquido

Finalizzata a completare il processo di detersione e a rimuovere ogni traccia di olio, la seconda pulizia si realizza con sapone liquido oppure con una schiuma delicata, ancora più indicata.

detersione pelle

L’obiettivo da raggiungere è duplice e prevede sia di eliminare lo strato grasso del precedente detergente lipidico sia di idratare l’epidermide. In questo step è fondamentale un’attenta valutazione del proprio tipo di pelle; infatti per chi presenta una tendenza acneica è consigliabile l’impiego di sapone d’Aleppo; per chi ha una pelle tendenzialmente secca è preferibile un prodotto a base di latte d’asina (molto idratante); per le pelli grasse invece è necessario optare per saponi astringenti e purificanti, come quelli contenenti bardana, tea tree o anche lavanda. Mediante questi cosmetici a formulazione schiumogena si ottiene una detersione particolarmente profonda che va a completare quella oleosa impiegata in precedenza.

Dermalogica

Special Cleansing Gel

43

Gel schiumoso senza sapone per tutti i tipi di pelle. La schiuma rinfrescante elimina completamente le impurità senza alterare l'equilibrio naturale della pelle. Il balsamo di menta e gli estratti di lavanda calmano e leniscono la pelle, mentre la Quillaja Saponaria elimina delicatamente tossine e i

Aggiungi

Bisogna evitare l’uso di saponi solidi perché la loro azione è piuttosto aggressiva e potrebbe irritare la pelle; inoltre alche la penetrazione non è ottimale o comunque meno efficace rispetto alle schiume.

3

Terzo step: esfoliazione

Da effettuale non più di 2-3 volte alla settimana, l’esfoliazione consente la rimozione delle cellule morte depositate sulla superficie cutanea. L’epidermide è formata da cellule in continua replicazione che seguono un ciclo biologico ben definito: quelle più superficiali e a contatto con l’esterno tendono a invecchiare e a morire in breve tempo per venire costantemente sostituite da elementi nuovi e vitali prodotti in profondità. È chiaro che, se le cellule ormai inutili dello strato esterno rimangono in superficie, la pelle non riesce a svolgere in pieno le sue funzioni, come la traspirazione e l’idratazione, diventando secca, opaca e perdendo la sua tipica colorazione rosata.

scrub viso layering

Lo scrub è un procedimento finalizzato ad eliminare le cellule morte superficiali per consentire alla pelle di riacquistare le sue intrinseche proprietà fisiologiche e quindi di avere un ottimo aspetto. Questo ciclico rinnovamento cellulare derivante dall’esfoliazione contribuisce a migliorare il processo di assorbimento dei principi attivi contenuti nei cosmetici da applicare successivamente. Infatti, dopo un trattamento di scrub, le cellule cutanee sono giovani, vive e vitali e dunque perfettamente recettive per qualsiasi prodotto.

Amore Puro

Scrub con Microgranuli di Noccioli d’Oliva

20

Questo scrub viso con all’interno microgranuli di noccioli d’oliva sbriciolati è perfetto per detergere e purificare la pelle in profondità, eliminando le cellule morte. Nato in Toscana al suo interno troviamo olio extra vergine biologico che ha un’azione calmante e rigenerante per la pelle.

Aggiungi

Bisogna comunque prestare estrema attenzione alla tipologia di cosmetici da utilizzare, dato che il procedimento deve essere delicato e mai aggressivo. L’esfoliazione può venire eseguita con due differenti modalità:

  • su pelle asciutta, per ottenere un’azione più efficace e attiva in profondità
  • su pelle bagnata, per un risultato più delicato, consigliabile per pelli sensibili.

In questa fase vengono impiegati solitamente prodotti su base granulosa proprio perché le cellule da esfoliare devono essere asportate fisicamente e non chimicamente; a questo scopo vanno benissimo preparati a base di argilla, di bicarbonato, di zucchero di canna.

4

Quarto step: lozione

A questo punto la pelle è completamente detersa e rinnovata e quindi è pronta per ricevere i prodotti specifici per un’adeguata skincare, tra cui la lozione, il cui ruolo è quello di riequilibrare e tonificare la pelle. Ecco perché si procede con l’applicazione del tonico, una sostanza ideale per eliminare qualche eventuale residuo d’impurità e per ripristinare il fisiologico pH della pelle (cioé le sue proprietà chimiche).

tonico skincare layering

 

Infatti se lo scrub, come accennato, è un procedimento basato su fattori fisici (sfregamento dei preparati granulosi a contatto con la pelle), l’uso del tonico agisce sulla componente biochimica dell’epidermide. È sempre opportuno orientarsi verso cosmetici privi di alcol, da applicare mediante un dischetto di cotone sulle varie zone del viso, effettuando un leggero picchiettio e lasciando poi asciugare.

Benton

Tonico - Aloe BHA Skin Toner

22

Privo di coloranti e profumi artificiali, questo tonico utilizza conservanti e ingredienti naturali come BHA e bava di lumaca. Il 0,5% di BHA nella formula aiuta a mantenere la pelle pulita, se usato quotidianamente. L'Aloe BHA Skin Toner è progettato per tutti i tipi di pelle, inclusa la pelle sens

Sarebbe utile servirsi di lozioni delicate, a base di estratti floreali, di aceto di mele, di succo di limone oppure di fiori di lavanda che sono preparati depurativi e idratanti nello stesso tempo. Alternativamente, tra i vari prodotti di layering, è possibile servirsi di acqua micellare che, oltre a idratare, elimina completamente ogni traccia di particelle eventualmente depositate nei pori. Alcune case produttrici di cosmetici hanno realizzato dei prodotti beauty giapponesi, consistenti in fluidi freschi e leggeri, ricchissimi di principi attivi e molto indicati per questo quarto step. Anche in tal caso è necessario tenere conto del proprio tipo di pelle in quanto queste lozioni sono formulate avendo riguardo delle differenti esigenze cutenee.

5

Quinto step: siero

siero viso layering

Dopo le fasi preparatorie appena analizzate è opportuno poi procedere con una corretta nutrizione epidermica, realizzabile mediante l’applicazione di un siero viso. Definito come un vero e proprio supporto alla crema, il siero è un cosmetico fondamentale nelle beauty routine in quanto potenzia gli effetti dei trattamenti agendo in maniera complementare ad essi. Caratterizzato da una texture particolarmente leggera, il siero può essere scelto in base alle personali esigenze, come ad esempio anti-age, anti-macchia, nutriente, idratante. Per le pelli meno giovani è indicato l’impiego di prodotti contenenti collagene con effetto filler, mentre per quelle particolarmente secche è preferibile optare per sieri a base di acido ialuronico.

Aromatica

Siero Viso Rose Absolute

41

Questo siero concentrato è una combinazione di attivi arricchiti con olio di rosa damascena bulgara che idrata la pelle con un delizioso profumo di rosa. Utilizzare questo siero come primo step dopo la pulizia, aiuta a restringere i pori dilatati e fornisce idratazione e nutrimento intensi, lasciand

Aggiungi

Se applicato regolarmente alla mattina e alla sera, questo prodotto contribuisce a realizzare un efficace effetto tensore che si traduce in un evidente miglioramento dell’aspetto estetico del viso.

6

Sesto step: contorno occhi

Tra i prodotti skincare giapponese sono disponibili numerosi preparati specifici per il contorno occhi, una zona sensibilissima e particolarmente delicata, che richiede uno speciale trattamento. Lo spessore della pelle in questa parte del viso è molto sottile e di conseguenza più recettivo a qualsiasi insulto sia climatico che fisico. Non a caso le prime rughe d’espressione si formano proprio in tale zona.

contorno-occhi

Di norma viene consigliata una crema viso giapponese dalla texture estremamente delicata, che sia in grado di nutrire senza appesantire, ben formulata e ricca di principi attivi che si assorbano con facilità e senza lasciare tracce. Si tratta di cosmetici da applicare con delicati picchiettii mediante i polpastrelli che devono contenere un limitato quantitativo di crema. L’area perioculare infatti deve essere trattata con particolare attenzione, per evitare che il cosmetico possa penetrare all’interno degli occhi, e per garantire un’azione decongestionante, tonificante e idratante.

Collesi

Contorno Occhi - Eye Contour Cream

37

Un’intensa azione sinergica per ridensificare la pelle del contorno occhi, quattro volte più sottile rispetto al resto del corpo. Una formula impalpabile che protegge la zona del viso più fragile grazie ai Polifenoli da Birra Artigianale Chiara Collesi. Questi preziosi principi funzionali, ottenuti

Aggiungi
7

Settimo step: idratazione delle labbra

Un’adeguata idratazione delle labbra è strettamente collegata a quella del viso; i cosmetici giapponesi fanno largo impiego di prodotti formulati con texture idratanti e nutrienti, da scegliere ancora una volta in base alle esigenze della propria pelle. Di solito è preferibile orientarsi verso prodotti opacizzanti, il cui compito è quello di eliminare l’antiestetico “effetto bagnato” dal viso.

balsamo labbra burrocacao

Per le labbra si utilizzano balsami delicati e nutrienti, in grado di proteggere dagli agenti atmosferici, evitando secchezza dovuta a sbalzi termici, oltre che le conseguenze dell’umidità. Per esfoliare le labbra (eliminando le temute “pellicine sollevate”) e per stimolare la microcircolazione, sarebbe consigliabile effettuare periodicamente un’esfoliazione delicata servendosi di prodotti naturali.

Avant Skincare

Scrub Labbra Perfezionante

64

Lo scrub labbra è arricchito con ingredienti incredibili come la rosa, la peonia e la mandorla dolce. La rosa elimina le cellule morte e le impurità della pelle per rendere le labbra morbide, fresche e giovani. Le sue proprietà foto-riflettenti illuminano le labbra delicatamente. Ricca di proprietà

Aggiungi

Layerling capelli

Oltre che a causa del loro perfetto incarnato, le donne orientali sono famose (e invidiate) anche per la bellezza della chioma, caratterizzata da capelli lisci, setosi e lucenti, oltre che privi di antiestetiche increspature. Questi risultati dipendono dal fatto che, nella loro beauty routine, è compreso anche il layering alla capigliatura. Il trattamento, che prevede una fase preparatoria a base di olio naturale e finalizzata a nutrire e rigenerare la fibra capillare, consiste in un impacco da lasciare in posa per almeno 30 minuti.

Successivamente si passa allo shampoo, da scegliere in conseguenza alla propria tipologia di capelli e che comunque deve essere delicato. L’applicazione del balsamo conclude il procedimento di detergenza dei capelli. A questo punto è previsto l’impiego di un trattamento illuminante mediante una specifica lozione che serve per lucidare la chioma e che deve venire poi risciacquata abbondantemente con acqua non troppo calda. L’ultimo step del trattamento layering ai capelli si realizza con l’asciugatura mediante il phon, la cui temperatura deve essere medio-bassa, per evitare che i capelli subiscano shock termici molto dannosi alla loro struttura.

MaterNatura

Bio Beauty Routine Capelli Rivitalizzati

27

Una beauty routine pensata per i capelli sottoposti continuamente a stress e prodotti di styling. Impacco Capelli Rivitalizzante alla Passiflora: trattamento pre-shampoo anticrespo ideale per i capelli sottoposti continuamente a stress, come calore (phon e piastra) e prodotti di styling. Una cura ri

Aggiungi
Prova la Beauty Box Abiby
SCOPRI L'OFFERTA
Abiby Beautybox