Aceto di mele: proprietà e benefici
Aceto di mele: proprietà e benefici

Aceto di mele: proprietà e benefici

L’aceto di mele entra di diritto nel mondo della cosmetica perché ci fa belle e sane. Come usarlo? Quali sono i suoi benefici? Ecco le risposte.

di - 19 novembre 2020

Siamo abituate a considerarlo un semplice condimento per l’insalata, ma l’aceto di mele è anche un prezioso alleato per la nostra salute. Cosa contiene di tanto benefico? Tanto per cominciare, apporta minerali come il potassio, il fosforo, il cloro e il ferro che, agendo in sinergia, migliorano il drenaggio dei liquidi e aiutano ad eliminare le tossine. Va poi detto che il prodotto della fermentazione acetica del sidro ha pochissime calorie (20 calorie ogni 100 ml) e aiuta a bruciare i grassi.

L’aceto di sidro mele è un prodotto “must have” per i suoi innumerevoli benefici: è diuretico, ha proprietà antinfiammatorie e battericide e rafforza le difese immunitarie. Di grande interesse è il suo uso cosmetico: l’aceto di sidro può essere utilizzato per la cura e la bellezza di tutto il corpo, agendo letteralmente dalla testa ai piedi. Scopri come valorizzare la tua bellezza in maniera naturale con l’aceto di mele.

BEAUTY NEWS OGNI SETTIMANA?

Iscriviti alla newsletter di Abiby e ricevi subito il 15% di sconto sul primo piano semestrale. Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy.

Cos’è l’aceto di mele e dove comprarlo

L’aceto di mele è il prodotto della fermentazione acetica del sidro di mele che viene ottenuta attraverso due passaggi. Il punto di partenza è il succo pressato delle mele intere che viene messo in apposite botti di legno insieme ai lieviti; questi ultimi avviano il processo di fermentazione alcolica (trasformazione di zuccheri in alcol) dando vita al sidro. Al sidro vengono quindi aggiunti dei batteri classificati come Acetobacter che innescano la fermentazione acetica.

L’aceto di sidro di mele è un prodotto di largo consumo reperibile al supermercato, nei negozi che vendono prodotti naturali e bio, in erboristeria e online. Vale però la pena ricordare l’importanza di scegliere l’aceto di mele naturale, non pastorizzato e non filtrato, al fine di non perdere le proprietà di questo prezioso prodotto. Le proprietà aceto di mele sono disponibili anche sotto forma di integratori alimentari commercializzati in capsule, compresse o polveri solubili contenenti i principi attivi concentrati.

Aceto di mele per i capelli

Grazie alle sue numerose proprietà benefiche, l’aceto di mele si rivela particolarmente efficace per la cura dei capelli in quanto permette di avere una chioma forte, dall’aspetto sano e radioso. Sigillando le cuticole dei capelli, questo prodotto lascia le ciocche morbide e nutrite; inoltre, la sua efficacia nel trattenere l’umidità ne fa un ottimo rimedio contro le doppie punte. Ma non è finita, perché l’aceto di sidro aiuta a ripristinare il pH dei capelli, portandolo a valori più fisiologici (4.5-5.5), in modo da evitare i danni derivanti dall’uso di prodotti con un pH troppo basico, che causano apertura delle cuticole ed elettrostaticità.

L’aceto di mele è anche un antimicotico naturale, il che lo rende molto utile per combattere i funghi responsabili dell’insorgenza della forfora. È efficace sia contro la forfora secca, che si accompagna ad un fastidioso prurito e a squame, sia contro quella grassa, che rende oleoso il cuoio capelluto. Basta mescolare due cucchiai di aceto di sidro con 250 ml di acqua, applicare la soluzione sui capelli dopo lo shampoo, massaggiando accuratamente, e risciacquare abbondantemente dopo 2-3 minuti.

Sempre a proposito di capelli, l’aceto di mele, grazie all’elevato contenuto di sali minerali, è in grado di nutrire il cuoio capelluto in profondità ed è quindi ideale per rinfoltire la chioma. Per sfruttare appieno il suo potere rinforzante e setificante, basta massaggiare la testa con un impacco a base di aceto di mele e miele prima dello shampoo. Questo servirà anche a migliorare la circolazione sanguigna e a frenare la caduta dei capelli.

Aceto di mele per capelli crespi

Tinte, phon, piastra, lavaggi frequenti e prodotti per l’hair styling possono sottoporre la chioma ad uno stress eccessivo, rendendo i capelli crespi, sfibrati e opachi. In questo caso, l’uso dell’aceto di mele funge da barriera anti-crespo in grado di riparare e proteggere le lunghezze e le punte secche, danneggiate e che si spezzano.

L’impiego dell’aceto di mele per capelli crespi è facile e rapido: mescola tre cucchiai di aceto di mele con un litro e mezzo di acqua, quindi applicalo sui capelli umidi, massaggiando delicatamente con i polpastrelli. Lascialo in posa per 5 minuti prima di risciacquarlo con acqua tiepida. Ripeti questo trattamento ogni due settimane e noterai subito la differenza.

Aceto di mele per i pidocchi

Chi dovesse essere particolarmente esposto al rischio di pidocchi troverà nell’aceto di mele un ottimo alleato, bambini compresi. Questo prodotto, infatti, è un potente antiparassitario ed è in grado di creare un ambiente sfavorevole al pidocchio. L’eliminazione delle uova è facilitata se si bagna la chioma con una soluzione contenente acqua e aceto di sidro in parti uguali perché diminuisce l’adesione delle uova al capello.

Aceto di mele sulla pelle

Anche la pelle trae grandi vantaggi dall’uso dell’aceto di mele, soprattutto da quello non pastorizzato che contiene la cosiddetta “madre di aceto” ed è quindi più ricco di vitamine. Questo liquido acidulo e fortemente astringente è infatti miracoloso per ripristinare il pH cutaneo, che deve sempre essere leggermente acido, e per detergere in profondità la pelle, senza renderla né troppo secca né troppo unta.

Spruzzato sulle scottature solari e riapplicato ogni ora, l’aceto di mele può lenire il dolore e accelerarne la guarigione; inoltre, grazie alla presenza dell’acido acetico, aiuta ad alleviare il prurito e l’infiammazione. A ciò si aggiunge l’elevato contenuto di antiossidanti, tra cui catechina, acido gallico, caffeico e clorogenico, che contrastano i radicali liberi aiutando a mantenere la pelle giovane e fresca.

Se soffri di una patologia del derma, come l’eczema o la psoriasi, l’aceto di sidro può aiutarti ad alleviare la secchezza della pelle e il prurito. Basta infatti applicare sulle zone da trattare un batuffolo di cotone imbevuto di una miscela costituita da due parti d’acqua e una di aceto.

Ma non è tutto:

Applicare l’aceto di mele sulla pelle aiuta anche a eliminare le cellule morte e a schiarire le macchie cutanee causate dal sole o dal passare degli anni, uniformando il colorito della pelle. In più, aiuta a ritrovare una pelle soffice e liscia e a tonificare la cute flaccida del viso. È sufficiente preparare una miscela con 50% aceto di mele e 50% acqua da applicare direttamente sul viso con un dischetto di cotone. Per la pelle del corpo, invece, riempi la vasca da bagno con acqua tiepida e aggiungi una tazza di aceto di sidro di mele: il risultato sarà una pelle detersa, esfoliata e più turgida.

Aceto di mele per i brufoli

Grazie al suo potere antisettico, dovuto alla presenza dell’acido malico, l’aceto di mele regola la produzione di sebo, contribuendo a combattere brufoli e comedoni. Inoltre, in caso di acne, evita l’ostruzione dei pori e permette alla pelle di respirare. Basta preparare una soluzione di acqua e aceto di mele in eguali porzioni, applicarla sulle zone interessate con un batuffolo di cotone, lasciarla agire tutta la notte e risciacquarla accuratamente al mattino.

Aceto di mele grani di miglio

L’aceto di mele si può usare anche per le sue doti esfolianti, che lo rendono utile anche per rimuovere i grani di miglio, quegli antiestetici punti bianchi somiglianti ai semi della graminacea da cui prendono il nome che compaiono soprattutto sugli zigomi e nella zona del contorno occhi. A tal fine, applica l’aceto di mele miscelato con un po’ d’acqua sulle zone interessate, lascialo agire per una ventina di minuti circa e infine risciacqua abbondantemente con acqua fresca.

Controindicazioni dell’aceto di mele

L’aceto di mele sembra offrire vantaggi più che svantaggi. Ciò non toglie che possa compromettere lo smalto dei denti e, in caso di abuso, persino danneggiare l’esofago. Va assolutamente evitato in caso di malattia gastroenterica, gastroparesi (rallentamento dello svuotamento gastrico) e disturbi della funzionalità renale e del tessuto osseo, in quanto tende ad abbassare il pH sanguigno.

Sebbene non sia dannoso per la pelle, né per i capelli, la perplessità maggiore riguarda il suo odore, che non è dei più piacevoli ma che può essere mascherato aggiungendo alla miscela di acqua e aceto di mele qualche goccia di succo di limone o del proprio olio essenziale preferito. Infine, è bene ricordarsi di non applicare l’aceto di mele prima di esporsi al sole perché potrebbe provocare la comparsa di macchie cutanee oppure alterare la sensibilità della pelle.

Abbonati subito ad Abiby!
Per te subito 10€ di sconto Scopri di più
Abiby Beautybox