Intervista a Shirley Billot, fondatrice e CEO di Kadalys

by 6 agosto 2021
Intervista a Shirley Billot, fondatrice e CEO di Kadalys

Abbiamo intervistato Shirley Billot, fondatrice e CEO di Kadalys. Dalla Martinica prodotti cosmetici naturali e organici per prendersi cura della pelle delle consumatrici e fornire lavoro all’isola grazie agli ingredienti della sua terra. 

Beauty news ogni settimana?
Iscriviti alla newsletter di Abiby e ricevi subito il 15% di sconto sul primo piano semestrale. Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy.

1) Quando nasce il marchio Kadalys e chi è la sua founder?

 

 

Ciao! Sono Shirley Billot, fondatrice e CEO di Kadalys. Circa 10 anni fa, ho avuto la folle idea di riciclare le banane scartate dall’industria agricola perché imperfette (20% della produzione annuale) in ingredienti organici super antiossidanti per prodotti skincare biologici di prima qualità.

Sono nata a Gibuti e cresciuto in Martinica, la terra delle banane. Qui produciamo il 70% della fornitura francese di banane in Martinica e il 30% in Guadalupa. La banana gioca un ruolo economico fondamentale per l’isola. Frutto usato nella medicina tradizionale dell’isola per le sue proprietà curative e rigeneranti, viene anche chiamato “pianta dai mille usi” per trattare la psoriasi, l’acne o l’eczema. 

Credits: Kadalys

 

2) Cosa ti ha spinta a creare Kadalys?

 

Attraverso Kadalys, volevo creare un futuro migliore per il pianeta e contribuire a ridurre le disuguaglianze sociali ed economiche che esistono sull’isola della Martinica. Ogni anno quasi 40.000 tonnellate di banane vengono scartate e mai vendute perché sono danneggiate o imperfette. 

Riducendo i rifiuti, sostenendo un’agricoltura più sostenibile e creando nuove opportunità di lavoro nella scienza e nell’innovazione in Martinica, riportiamo la speranza a una generazione più giovane delle Antille francesi, che ora vede più possibilità nell’economia della nostra isola e nel suo futuro. In questo modo speriamo di creare più alternative e di essere meno dipendenti dal turismo e dall’esportazione di rum e canna da zucchero. 

Credits: Shutterstock

 

3) Cosa c’è di speciale nel marchio e cosa lo distingue dagli altri?

 

Poiché sono stata cresciuta da genitori molto impegnati e attivisti che si sono sempre battuti per cause sociali e ambientali, fondare Kadalys è stato un modo per condividere la mia visione di un’azienda di bellezza premium attenta ed eco-consapevole fondata su tre pilastri: economia circolare, chimica verde e capitalismo inclusivo. 

Kadalys è il primo marchio di skincare organico, eco-consapevole ed esperto in scienza delle banane sostenibile ispirato dai rimedi franco-caraibici. I nostri prodotti sono puliti, vegani, cruelty-free e sostenibili. Offrendo una cura della pelle organica e clinicamente provata, fatta con bio-attivi brevettati dai sottoprodotti della banana che mirano all’anti-invecchiamento, alla luminosità e al sollievo cutaneo.

Credits: Instagram @kadalys

4) Quanto tempo ci è voluto perché la sua idea si manifestasse in una gamma di prodotti finiti?

 

 

Dal momento in cui ho avuto l’idea di studiare come valorizzare i rifiuti agricoli delle banane in principi attivi per i cosmetici e il lancio di Kadalys, mi ci sono voluti circa 2 anni. 

Ho iniziato con un programma di ricerca per studiare tutte le parti del banano, dalla foglia, al fiore, al frutto e al tronco, per vedere quali applicazioni potevano essere interessanti per la pelle. La nostra ricerca ha dimostrato che i nostri bio-attivi di banana avevano benefici incredibili per la pelle: il nostro bio-attivo di banana rosa è per esempio 4.500 volte più antiossidante dell’olio di argan!

Credits: Shutterstock

 

5) Quali difficoltà hai incontrato sulla strada per costruire Kadalys?

 

Quando ho iniziato Kadalys, 10 anni fa, la sostenibilità, la bellezza naturale e vegana non erano così attraenti come lo sono oggi. Negli ultimi anni e soprattutto con la situazione pandemica iniziata nel 2020, gli interessi dei clienti si sono spostati per marchi puliti ma anche sostenibili, inclusivi ed etici come Kadalys (quelli che noi chiamiamo “Blue Beauty Brands”). 

Inoltre, ho incontrato delle barriere all’entrata in Francia perché c’era una mancanza di consapevolezza riguardo alla medicina tradizionale delle Antille francesi. Per questo motivo ho iniziato lo sviluppo di Kadalys prima in Asia (Giappone, Corea e Australia), paesi che amano l’innovazione e la medicina vegetale.

Credits: Instagram @kadalys

 

6) Come hai concepito il design della confezione?

 

La mia sorellina è un’artista. Ha disegnato l’albero di banane che potete vedere sulle nostre confezioni. È diventata una vera e propria firma per Kadalys. 

Poiché la Martinica è un’isola molto soleggiata con colori vivaci, abbiamo scelto per le nostre confezioni colori vibranti: blu come il mare, giallo e verde come gli alberi di banane.

 

7) Qual è il tuo miglior consiglio di bellezza?

 

Credo anche che la bellezza venga dalla fiducia e da un atteggiamento positivo. In francese, abbiamo un’espressione “ça me donne la banane”. Si riferisce al modo in cui le banane assomigliano a un sorriso e può essere tradotto liberamente “come questo mi fa sorridere come una banana” o “mi rende felice”. 

Attraverso Kadalys, vogliamo che la gente si senta bella diffondendo questa vibrazione positiva e ottimista della banana e incoraggiare le persone a indossare un “sorriso di banana”.

La positività è contagiosa e qualcosa che il mondo potrebbe usare di più.

Credits: Instagram @kadalys

Chi siamo? Siamo Abiby

Abiby è il servizio in abbonamento che ti permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa.
Far parte della community Abiby significa scoprire prima degli altri quello che di nuovo c’è nel mondo della bellezza, testando nuovi prodotti con i giusti consigli su come usarli al meglio. E significa ricevere promozioni e offerte per brand esclusivi e all’avanguardia.
Leggi di più
Potrebbero interessarti