Correttori: dalle palette ai coprenti, ecco come usarli

Il correttore aiuta a mascherare le imperfezioni della pelle e a creare una base uniforme. Non sai da che colore cominciare? Ecco tutto quello che c'è da sapere sulle palette correttori ed il loro utilizzo!

Il correttore è uno dei cosmetici più efficaci ed amati da sempre, alleato fondamentale per l’ottima riuscita di una base viso uniforme e illuminante! Riprodurre l’incarnato, il colore naturale e omogeneo della pelle, correggendo le imperfezioni quali occhiaie, brufoli, macchie, discromie, cicatrici e capillari evidenti sono i motivi per cui il correttore è diventato sempre più parte integrante delle nostre borsette e/o trousse.

Niente a che vedere col fondotinta, che sia chiaro! Anche se forti collaboratori, il correttore possiede più pigmenti del fondotinta, si utilizza su zone specifiche e offre una varietà di colori utili a neutralizzare l’inestetismo; così come si differenzia anche dalle BB cream e CC cream.

Immagina di voler contrastare il colore violaceo/bluastro delle occhiaie con il beige di diverse tonalità di un fondotinta… Impensabile vero? Difatti per le occhiaie tendenti al viola è consigliabile il correttore occhiaie giallo, mentre l’aranciato per occhiaie bluastre – insomma diversi colori risolvono diversi problemi! Una volta che l’incarnato è riprodotto e uniformato, allora è possibile giocare sulla tonalità della pelle utilizzando in ogni caso il fondotinta per ricevere una base di tonalità omogenea, oppure il correttore illuminante, per donare effetti di lucentezza in alcune parti specifiche del viso.

Già da questa semplice descrizione è inevitabile dire che non esiste IL correttore.
La ricerca del miglior correttore è una vera e propria missione, visto che bisogna pensare aIll’imperfezione da correggere, alla tipologia ed al colore della pelle, alla texture più idonea da utilizzare e a molti altri fattori.

Correttori: l’importanza della composizione

La composizione del correttore è già un interessante fattore per iniziare a selezionare il più adatto per noi, infatti ne esistono di diversi tipi: correttore liquido, cremoso, in polvere o a cialde.

Il correttore liquido possiede una più bassa concentrazione di pigmenti, può essere un sostitutivo del fondotinta ed è perfetto per pelli grasse. Il correttore cremoso è invece più pesante, poiché ricco di pigmenti, e per questo molto più coprente ed efficace, adatto a pelli più resistenti e/o secche. Il correttore in polvere è utilizzato perlopiù su zone specifiche fresche: è ad esempio ideale per i brufoli. Infine, il correttore a cialde: questo va applicato con pennello sintetico, poichè la sua composizione è concentrata – ideale per pelli miste.

Correttore: come scegliere il colore

Oltre alla consistenza, bisogna poi scegliere il colore adatto per correggere l’imperfezione.

Come abbiamo spiegato, diversi colori di correttori risolvono diversi tipi di inestetismi:

  • il correttore verde contrasta il rossore, di qualsiasi genere, dai brufoletti ai capillari spezzati; basta applicarne una minima quantità;
  • il correttore viola è l’ideale per le macchie tendenti al giallo, magari tipiche di chi ha una carnagione più olivastra, mentre la tonalità tendente al lilla serve a sfumare quelle macchie grigie che in genere possiedono le fumatrici;
  • il correttore rosa si può definire più un colore illuminante che correttore, infatti dona lucentezza sia in caso di visi affaticati che in contrasto ai pallori di visi esposti a luci artificiali;
  • il correttore giallo contrasta il color viola, è quindi più adatto a coprire occhiaie violacee,
  • infine, il correttore arancione contrasta più le occhiaie bluastre. In base alle diverse tonalità sono i colori ideali per coprire lividi ed ematomi freschi.

Un modo ideale di usare il correttore può essere quello di munirsi di una palette correttori. Infatti, potrebbero coesistere diverse imperfezioni cutanee oppure il colore delle occhiaie di questa mattina non è per niente identico a quello di una settimana fa. Ecco che è necessaria una composizione di colori mista per ogni evenienza.

Palette correttori: come si usa

Le palette correttori sono l’ideale per avere a disposizione più colori di correttori a portata di mano. L’utilità è avere più possibilità di correzione, con diversi toni. Infatti, grazie alle palette correttori potremo individuare il colore più adatto a correggere l’imperfezione, e anche avere più soluzioni per correggere più imperfezioni in un unico prodotto.

Si può dire che è un ottimo prodotto per testare i colori e diventare sempre più professioniste nel capire quali colori funzionano meglio per la nostra pelle. Il bello è che sono “tascabili”, sono cioè di dimensioni ridotte, piatte e leggere, praticamente le si può portare con noi nella borsetta e utilizzarle in qualsiasi momento.

Rispetto ai singoli correttori tradizionali, quelli venduti a boccetta, le palette correttori offrono più colori ma meno quantitativo e per questo sono molto più convenienti! In fondo, se ci pensiamo bene, non è necessario utilizzare grandi quantità di correttori, basta che siano i colori ed i toni giusti.

Da quali palette iniziare?! Innanzitutto bisogna conoscere quali colori ci servono per annullare il colore delle macchie, occhiaie o imperfezione generale.

Il mercato offre diverse palette per abbinamento colori, o abbinamenti diversi di toni dello stesso colore, per dimensioni, e sostanza. Le migliori palette di correttori sono quelle che offrono i colori complementari verde e/o azzurro, giallo e/o arancio, rosa e/o violetto per le imperfezioni più diffuse quali occhiaie e macchie cutanee.

Prova la Beauty Box Abiby!

Con Abiby ordini online e ricevi prodotti di qualità direttamente a casa tua. Ogni mese selezioniamo per te nuovi brand da scoprire e dei quali innamorarti. È facile, prova subito!

In sostanza, per schematizzare il concetto dei colori complementari che annullano il colore della nostra imperfezione, basta sapere che, come abbiamo detto:
il correttore verde e/o azzurro annulla imperfezioni rosse
Il correttore giallo e/o arancio annulla le imperfezioni viola e/o blu
Il correttore rosa e/o violetto annullano le imperfezioni gialle e/o grigie.

Ovviamente per ogni colore esistono un’infinità di tonalità. Esistono palette di correttori di colori misti, quindi con una certa tonalità di verde, giallo e rosa, oppure di colori singoli ma con tante tonalità, quindi ad esempio una palette di correttore verde con 4-6 tonalità diverse che pian piano si avvicinano all’azzurro (verde acqua). Oppure ci sono delle combinazioni di un colore con le varie sfumature, più altri colori pre-selezionati.

Che si tratti dunque di un brufolo, un livido o ematoma, occhiaie occasionali e non, le palette correttori offrono la soluzione più immediata per eventuali ritocchi last minute. Se si fosse, invece, delle habitué di occhiaie o altri inestetismi, o già consapevoli del colore più idoneo ad annullare il problema, è interessante scoprire come poter utilizzare gli altri colori a livello professionale per creare lucentezza su specifiche zone del viso.

Il correttore rosa è il correttore illuminante per eccellenza sulla carnagione olivastra, che potrebbe risultare spenta o tendente appunto al giallo o al grigio – colori complementari del rosa 🙂

Come usare la miglior palette di correttori?

1

Come anticipato, la composizione del correttore è molto importante. Nelle palette di correttori non troveremo correttori liquidi, ma cremosi e a cialde. In base alla concentrazione dei pigmenti e alle esigenze, si potrà scegliere la miglior palette di correttori sia per colori che per sostanza.

2

Per l’applicazione si utilizza un pennello sintetico che, una volta imbevuto del correttore, dovrà essere picchiettato sulla zona specifica ed infine, con il calore dei polpastrelli, si procede a spalmare il colore per renderlo sfumato.

3

Per coprire un brufolo arrossato con la palette correttori si dovrà prima utilizzare un pizzico di correttore verde solamente sopra il brufoletto utilizzando un cotton fioc o cotone per evitare infezioni, e poi coprirlo con il correttore della stessa tonalità della nostra pelle. In questo modo la nostra base viso è pronta per il make up!

Il correttore occhiaie

Le occhiaie che siano da stress, da sonno, da iperpigmentazione cutanea, da invecchiamento, da esposizione ai raggi UV trovano la loro espressione massima sul nostro viso creando un vero e proprio sfondo ai nostri occhi, in genere limitandone la lucentezza. I colori delle occhiaie variano in base alle cause e alla tonalità della pelle passando dal marrone, viola e blu. Per questo i migliori correttori occhiaie sono i colori pesca (dal giallo all’arancio).

Coperto il difetto, è poi possibile dare più luce al proprio sguardo, grazie ai correttori illuminanti, quelli con protezione solare o specifici per realizzare il contouring e highlighting.

Per creare effetto contouring basta utilizzare poche gocce di correttore di un tono più chiaro della propria pelle sull’angolo interno dell’occhio e sotto l’arcata sopracciliare. Mentre per creare effetto highlighting, basta utilizzare due correttori: uno con due tonalità più chiare e l’altro con due tonalità più scure. Il primo da utilizzare nelle zone più chiare del viso ed il secondo nelle aree più ombreggiate: in questo modo si vanno ad evidenziare di tono le parti del viso realizzando più luminosità. Per un trucco occhi impeccabile, potete dare un’occhiata al nostro tutorial sul trucco occhi!

Dunque, non esiste IL correttore, ma IL MIGLIOR CORRETTORE per noi.
Capire le tonalità della nostra pelle in primis, per poter poi scegliere la miglior soluzione ai nostri difetti su base di colori, toni e sostanza, e scegliere il miglior correttore coprente ed illuminante. Ovviamente il tutto cercando di evitare i pasticci! Nel trucco è importante non abusare della quantità del correttore, in questo caso, ma applicarlo sulla pelle in modo sfumato e leggero, e soprattutto in una location con una luce adeguata.