Plastic Free nella cosmetica: le vie del green sono infinite!
Plastic Free nella cosmetica: le vie del green sono infinite!

Plastic Free nella cosmetica: le vie del green sono infinite!

La cosmesi potrà davvero essere senza plastica? Le nuove generazioni si sono fatte portavoce di una tendenza plastic free volta a prendersi cura dell’ambiente.

Il futuro della cosmesi è senza plastica. Tra le prime ad essere chiamate in causa per la creazione di un mondo plastic free c’è l’industria cosmetica, che deve far fronte non solo alla sempre maggiore attenzione dei consumatori verso prodotti di bellezza che facciano bene al pianeta e all’ambiente, ma anche mettersi in prima linea per scongiurare la funesta predizione della Ellen MacArthur Foudation, che parla di mari più ricchi di plastica che pesci entro il 2050. È davvero paradossale come la plastica, responsabile della drammatica emergenza globale in cui ci troviamo, sia in realtà nata per il più nobile degli scopi: sostituire l’avorio nella produzione delle palle da biliardo e salvare gli elefanti. Oggi, la cosmesi senza plastica in Italia è una realtà tangibile, tanto che il nostro Paese è stato tra i primi ad approvare una legge contro le microplastiche nei prodotti e, come molti altri Stati europei, si prepara a dire per sempre addio alla plastica monouso.

Certo, l’utilizzo esclusivo di prodotti cosmetici senza plastica può sembrare una sfida davvero difficile, eppure le soluzioni per eliminare vasetti, contenitori e barattoli in plastica sono semplici: riduzione, riciclo e riutilizzo del packaging – anche tra le mura domestiche – possono davvero fare la differenza.

green cosmetica

Cosmetici senza plastica: nudo è bello!

Per quanto utile, bello e colorato, il packaging dei prodotti cosmetici è essenzialmente un involucro che – presto o tardi – finirà per essere spazzatura. Inoltre, ben il 40-50% del costo di un prodotto, infatti, è rappresentato dal packaging. Un esempio su tutti sono gli shampoo solidi: un panetto equivale a tre bottiglie in formato liquido. Per questo motivo, una cosmesi senza plastica dovrebbe essere semplicemente “nuda”, ovvero priva di confezioni. Un’operazione certamente complessa, che implica formule solide o flaconi da riempire in negozio, ma anche formulazioni green che rinuncino alla chimica superflua e a sostanze potenzialmente inquinanti.

prodotti nudi saponetta

Il prodotto plastic free per eccellenza nella cosmetica? La saponetta, rispettosa dell’ambiente nel packaging e negli ingredienti ricchi di estratti botanici e naturali, biodegradabili e cruelty-free. Svestito, ormai, del suo ruolo di semplice alleato per la detergenza, il panetto di sapone diviene struccante, esfoliante ed emolliente, adatto quindi a prendersi cura tanto della pelle del viso quanto di quella del corpo.

Plastic Free nella cosmetica significa innanzitutto riciclo

L’utilizzo della plastica nella cosmesi dipende essenzialmente dalla praticità di questo materiale: comoda e resistente, non potrebbe mai essere sostituita dal cartone – inadatto alle texture liquide – o dal vetro – eccessivamente fragile. Non è dunque un caso che sempre più aziende si siano rivolte verso materiali alternativi come le bioplastiche, derivate da materiali organici, compostabili e, dunque, riciclabili. Ricavate da una biomassa vegetale – funghi, patate e canna da zucchero ad esempio – non includono componenti fossili. Una scoperta sicuramente molto utile per la creazione di cosmetici realmente senza plastica: utilizzare questo tipo di materiale, infatti, significa finalmente rinunciare a microgranuli di plastica anche in scrub, detergenti per il corpo e persino dentifrici.

Molto più complessa, invece, la questione del riciclo della plastica, infatti, è estremamente difficile separare le cosiddette plastiche miste e riutilizzarle. Un contenitore concepito con polimeri differenti, etichette in doppio strato e magari di un colore scuro è totalmente inadatto al riciclo. L’obiettivo per una cosmesi senza plastica dovrebbe essere la produzione di flaconi monomateriali per permettere un riuso e un riciclo totale delle componenti.

riutilizzo packaging

Vasetti, contenitori e barattoli di plastica da riutilizzare anche a casa

In attesa che l’industria cosmetica diventi effettivamente plastic free e che il re-fill sia pratica comune, è importante cercare di diminuire la produzione di rifiuti anche tra le mura domestiche riutilizzando vasetti, contenitori e barattoli di plastica. Sono molti, ad esempio, i negozi che incentivano il riciclo in negozio applicando sconti e promozioni per ogni prodotto riportato.

Quanto all’uso domestico, i barattoli di creme e sieri possono diventare ottimi vasi per fiori, porta forcine o dischetti di cotone. Naturalmente, dare nuova vita ai contenitori cosmetici non deve limitarsi al riutilizzo della plastica: un flacone di profumo, ad esempio, può diventare un ottimo profumatore per ambienti, mentre il vaso di una candela può facilmente ospitare spazzole e pennelli. Persino lo scovolino del mascara è facilmente riutilizzabile come mini-spazzola per sbarazzarsi di babyhair e ciuffi ribelli. Un’ottima idea è combinare il riutilizzo dei vasetti di plastica delle creme con i campioncini ricevuti in negozio: unendo quelli contenenti lo stesso prodotto si potrà ottenere una full size con zero sprechi.

vasetti riutilizzo

Close
Abbonati subito ad Abiby!
Per te subito 10€ di sconto Scopri di più
Abiby Beautybox